Oro da investimento: normativa, fiscalità e tassazione

Oro da investimento: cosa prevede la normativa in termini di fiscalità e tassazione

Hai in mente di investire in oro fisico, magari acquistando lingotti d’oro da investimento o monete d’oro? Un aspetto importante in tema di oro è capire che tipo di tasse sono previste anche in base all’eventuale plus valenza. La tassazione sull’oro da investimento è ovviamente da mettere in preventivo nel momento in cui si decide di mettere al sicuro i propri risparmi in questo metallo prezioso, anche per capire meglio il vantaggio rispetto ad altri tipi di investimento. Innanzitutto, ricordiamo che per l’acquisto di oro da investimento e quindi per l'acquisto di lingotti in oro di purezza pari o superiore a 995 millesimi oppure di monete in oro di purezza pari o superiore a 900 millesimi e coniate dopo il 1800 dalle Zecche - comprato quindi per investimento - non si paga l’iva vigente (vedi "Disciplina del mercato dell'Oro") , mentre per l’oro in commercio cosidetto "industriale" oppure nel caso di monete da collezione (il cui prezzo superi l'80% del valore di oro contenuto), così come per la gioielleria, viene addebitata l'iva.

Al momento della rivendita da privato ad azienda, l'iva pagata al momento dell'acquisto non viene riconosciuta e sull'oro da investimento (lingotti e monete di cui sopra) dovrà essere corrisposta la tassazione della plusvalenza (Art 67 comma c-ter TUIR - ex Art 68 comma 7 lett d - TUIR, in materia di "riordino disciplina tributaria").

Oro da investimento: definizione e normativa

Vediamo a questo punto cosa succede in caso di vendita di oro da investimento, con particolare riferimento alla definizione e alla normativa vigente.
Parlando di fiscalità applicata all’oro da investimento, la plusvalenza ottenuta da un privato che vende metalli preziosi, in genere, è considerato per il fisco un “reddito diverso” ed è quindi soggetta a tassazione (per ulteriori approfondimenti, è possibile fare riferimento all'art. 67, co. 1 lettera c-ter, del T.U.I.R.) oltre all’obbligo di dichiarazione all’UIF di Banca d’Italia, se il capitale in cessione è superiore ad € 12.500,00 e se riguarda la vendita o cessione nel territorio nazionale, se si tratta di una operazione a titolo gratuito (ad esempio una donazione o successione) oppure della vendita di oro verso nazioni estere.

L’oro fisico allo stato grezzo (ovvero i lingotti) - come dicevamo - viene tassato alla voce redditi diversi, quindi al 26% della plusvalenza che viene calcolata dalla differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita. In assenza dei necessari certificati di acquisto, le plusvalenze vengono determinate in misura pari al 25% del prezzo di vendita.

Non si tratta di una facoltà, ma di un obbligo; pertanto non è possibile scegliere l’opzione più conveniente qualora si sia effettivamente in possesso della documentazione d’acquisto. Anche nei casi in cui il bene provenga da donazione o successione, è fondamentale avere in archivio l'atto di donazione, l'eventuale testamento, oppure la dichiarazione di successione redatta da un notaio dove si attesti la provenienza dell'oro.

Contattaci
Inserisci i tuoi dati, ti risponderemo al più presto
Nome *
Cognome *
E-mail*
Numero di telefono
Messaggio
 
Acconsento al trattamento dei dati in base alla normativa.
INFORMATIVA PRIVACY Acconsento al trattamento dei miei dati personali in base al D.L. n. 196 del 30 giugno 2003, tutela dei dati personali. I dati inviati saranno utilizzati esclusivamente per fornire il servizio di offerta/prenotazione e per uso interno, negli stretti limiti del perseguimento delle medesime finalità per le quali i dati sono stati raccolti INVIA RICHIESTA
Tel: +39 02-8853-215 - Fax: +39 02-8853-888
orovilla@orovilla.com
Lunedi - Venerdi: 08:30 - 17:30
Sabato e Domenica: chiusi
Via Pitagora, 11
20016 Pero (MI)