Sab, 12 agosto 2017

Oro, buone le prospettive di crescita

Il prezzo dell'oro in queste ultime sedute, è riuscito a salire oltre la soglia di $1.270, livello che dall'inizio del mese di agosto aveva frenato la corsa del prezioso metallo.

La decrescita dei mercati azionari, in aggiunta alle tensioni in Corea, hanno spinto gli investitori ad acquistare oro come protezione dei propri investimenti.

Infatti il prezzo dell'oro ha raggiunto il massimo di due mesi nella giornata di venerdì 11 a causa delle crescenti tensioni tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord, che hanno aumentato la domanda di beni rifugio.

All'inizio di questa settimana, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha reagito alle minacce di armi nucleari della Corea del Nord. I commenti di Trump sono giunti dopo i rapporti che la Corea del Nord ha rifiutato un nuovo ciclo di sanzioni approvato dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Il paese si è impegnato a progredire con lo sviluppo di armi nucleari che potrebbero raggiungere la terraferma americana.

Ciò ha scatenato un effetto cascata di avversione al rischio nei mercati globali, con l'abbassamento dei titoli azionari. La grande questione a questo punto è se questo sia l'inizio di una nuova mossa che può risultare piuttosto brutta per i mercati del rischio; O se si tratta di un altro tipo di opportunità di "buy the dip"? Con questa questione fondamentalmente si sta cercando di prevedere i comportamenti di Donald Trump e Kim Jong-Eun.

Il prezzo dell'oro è salito più dell'11% dall'inizio dell'anno e quasi il 2% da lunedì (8 agosto). Ma il metallo è ancora al di sotto del valore di 1.300 dollari per l'oncia, i rischi potenziali stanno aumentando e non appaiono adeguatamente valutati. Quindi è possibile che le quotazioni dell'oro cresceranno ulteriormente.

Oltre alle preoccupazioni geopolitiche, gli investitori orientati all'oro seguiranno i dati sull'inflazione statunitense Americana. Saranno alla ricerca di ulteriori indizi riguardo alle escursioni del tasso di interesse dalla Federal Reserve degli Stati Uniti entro la fine di quest'anno.

Altri fattori che sostengono il prezzo dell'oro includono un dollaro in diminuzione e dati statunitensi che indicano una moderazione dell'inflazione, che potrebbe rallentare il ritmo di aumento del tasso di interesse della Federal Reserve degli Stati Uniti. Questo è buono per l'oro, il quale tende a fare meglio quando i tassi di interesse sono bassi.

Buon investimento a tutti
Carlo Vallotto

DISCLAIMER: Le indicazioni contenute in questo messaggio non costituiscono in alcun modo delle raccomandazioni di acquisto o vendita: esse rappresentano una libera interpretazione dei mercati basata sull’analisi tecnica. Lo scrivente declina ogni responsabilità per le perdite derivanti dalle attività intraprese sulla base di queste analisi.

Contattaci
Ti risponderemo al più presto, i nostri consulenti sono a tua disposizione
Nome *
Cognome *
E-mail*
Numero di telefono
Messaggio
 
Acconsento al trattamento dei dati in base alla normativa.
INFORMATIVA PRIVACY Acconsento al trattamento dei miei dati personali in base al D.L. n. 196 del 30 giugno 2003, tutela dei dati personali. I dati inviati saranno utilizzati esclusivamente per fornire il servizio di offerta/prenotazione e per uso interno, negli stretti limiti del perseguimento delle medesime finalità per le quali i dati sono stati raccolti INVIA RICHIESTA
Tel: +39 02-8853-215 - Fax: +39 02-8853-888
orovilla@orovilla.com
Lunedi - Venerdi: 08:30 - 17:30
Sabato e Domenica: chiusi
Via Pitagora, 11
20016 Pero (MI)