Ven, 10 marzo 2017

India, i cambiamenti a favore della domanda di oro

A seguito della demonetizzazione messa in atto dal governo indiano, la domanda di oro fisico è scesa bruscamente. Ma secondo gli ultimi dati del World Gold Council, ci sarà una ripresa.

L’india è il secondo maggiore acquirente di oro fisico al mondo subito dopo la Cina che le ha strappato la prima posizione alcuni anni fa. La domanda di oro, nella regione indiana, deriva soprattutto per motivi di affinità culturali verso il metallo prezioso, che a giusta ragione viene utilizzato come riserva di valore, ovvero gli indiani acquistano oro e argento per tramandare ai figli un bene che mantiene il valore nel tempo.

India's economy will rebound

Infatti la richiesta del metallo giallo è senza dubbio maggiore proprio durante la parte finale dell’anno quando inizia la stagione dei matrimoni in accostamento ad alcune festività religiose dove regalare oro e argento è di buon auspicio.

E come dicevamo è proprio nella stagione dei matrimoni che la domanda di metallo fisico raggiunge i picchi. Questo perché le famiglie offrono in dote agli sposi il prezioso metallo.

Per acquistare oro fisico in India, tuttavia, si incontrano alcune difficoltà e questo nel corso del tempo ha alimentato il mercato illegale o al di fuori dei controlli di legge. Il premier Modì ha attuato una drastica misura per tentare di eliminare questo commercio sommerso, attuando la demonetizzazione ovvero sono state tolte dalla circolazione e abolite le banconote da RS500 e RS1.000 (RS=Rupia).

Le conseguenze si sono immediatamente ripercosse sulle importazioni di oro, con la domanda che è crollata nel 2016 ai minimi da sette anni.

Secondo i dati del World Gold Council, la richiesta di metallo giallo nel 2016 è stata pari a 675.5 tonnellate il 21,1% in meno rispetto all’anno precedente. Gli stessi dati in espressi in dollari Usa registrano un declino del 15% nel 2016 con USD 27 mld rispetto ai UDS 32 mld del 2015.

La ricerca della Società WGC sottolinea tuttavia che una serie di iniziative politico/economico/fiscali che in fase di approvazione dal Governo presieduto da Modì, potrebbero cambiare decisamente il mercato indiano dei metalli preziosi offrendo nuova linfa vitale nel creare un’economia più forte e un settore dell’oro che presenti una maggiore trasparenza a sostegno della domanda di oro nel 2017 che si stima essere in deciso recupero.

Buon investimento a tutti
Carlo Vallotto
DISCLAIMER: Le indicazioni contenute in questo messaggio non costituiscono in alcun modo delle raccomandazioni di acquisto o vendita: esse rappresentano una libera interpretazione dei mercati basata sull’analisi tecnica. Lo scrivente declina ogni responsabilità per le perdite derivanti dalle attività intraprese sulla base di queste analisi.