Mer, 4 marzo 2020

In Asia, la domanda di gioielli è diminuita, ma nulla minaccia i prezzi dell'oro

Nel 2019, la domanda globale di oro è scesa dell'1% a 4.356 tonnellate a causa della caduta della domanda di gioielli in Asia a causa dell'incertezza economica e dell'aumento dei prezzi nelle valute locali.

L'oro, considerato un bene sicuro, da inizio anno è aumentato di prezzo in quanto gli acquirenti erano preoccupati per il conflitto commerciale tra Stati Uniti e Cina e le tensioni in Medio Oriente.
Il prezzo dei metalli preziosi è salito a un livello record in varie valute asiatiche, tra cui lo yen giapponese, la rupia indiana, lo yuan cinese e il dollaro australiano. Ciò ha limitato la domanda dei consumatori di gioielli in oro, che per loro è sia un oggetto di lusso che una riserva di valore.

Secondo il World Gold Council, la domanda di oro per gioielli è diminuita nel 2019 del 6% a 2.107 tonnellate. Il calo più marcato si è verificato in India - del 9%, mentre in Cina - del 7% (dati provvisori prima del COVID-19).
In ogni caso questi due paesi rappresentano il 60% del mercato globale dei gioielli in oro. A Hong Kong, la domanda di gioielli in oro è scesa del 24%, poiché le continue proteste di strada hanno spaventato gli acquirenti.

La domanda di investimenti globali tuttavia è aumentata del 9% a 1.271 tonnellate, trainata dalla forte domanda di fondi gestiti garantiti da oro.
Tuttavia, la domanda di lingotti e monete d'oro è precipitata in India e Cina. In Cina il calo è stato del 31%, mentre in India la domanda è diminuita del 10%. Gli investitori hanno venduto lingotti d'oro e monete per ottenere un profitto, e solo pochi hanno acquistato oro fisico poiché i prezzi sono rimasti alti.

Gli investitori privati non hanno aumentato le loro riserve auree, ma le banche centrali hanno acquistato metalli preziosi. Sebbene la crescita sia rallentata dell'1% rispetto al 2018, nel 2019 le banche centrali hanno aumentato le loro riserve di 650 tonnellate, che è il secondo indicatore annuale più grande da 50 anni.
Il più grande acquirente lo scorso anno è stato la Turchia, che ha ampliato le sue riserve di 162 tonnellate, e poi la Russia, che ha acquistato 158 tonnellate. La Cina ha aumentato le riserve di 96 tonnellate, mentre l'India - di 33 tonnellate.
L'acquisto di oro da parte della Turchia riflette i tentativi del paese di disperdere i rischi all'aumentare delle tensioni in Medio Oriente. Russia, Cina e India hanno acquistato oro per bilanciare le riserve valutarie, una parte significativa delle quali è denominata in dollari.
Si prevede che l'elevata domanda di questo metallo prezioso continuerà tra le banche centrali. Un sondaggio condotto dal World Gold Council ha mostrato che il 54% delle banche centrali prevede che le riserve auree globali aumenteranno nel corso del prossimo anno.

Il nuovo problema che ha un impatto globale, prende il nome di CoronaVirus, che purtroppo sta costringendo milioni di persone ad un riposo forzato e a restare dentro casa per evitare il contagio. Molte industrie in tutti i settori produttivi, dal automotive all’elettronica, dall’abbigliamento alle costruzioni, hanno chiuso i battenti e molte aziende americane ed europee hanno dichiarato che non raggiungeranno gli obiettivi di crescita stimati in precedenza.

In tutto questo, nonostante il prezzo dell’oro abbia avuto grandi movimenti, non ci deve frenare nel considerare l’oro fisico come una protezione dei nostri risparmi. Lo dimostrano gli acquisti che continuano a fare gli investitori che cercano protezione proprio in questo bene rifugio a seguito dei fortissimi ribassi a cui abbiamo assistito in queste ultime settimane.

Buon investimento a tutti
Carlo Vallotto

DISCLAIMER: Le indicazioni contenute in questo messaggio non costituiscono in alcun modo delle raccomandazioni di acquisto o vendita: esse rappresentano una libera interpretazione dei mercati basata sull’analisi tecnica. Lo scrivente declina ogni responsabilità per le perdite derivanti dalle attività intraprese sulla base di queste analisi.

--

Per ulteriori informazioni non esitare a contattarci! I nostri consulenti sono sempre a tua disposizione via e-mail (orovilla@orovilla.com) oppure telefonicamente al numero 02-8853215.

Contattaci
Ti risponderemo al più presto, i nostri consulenti sono a tua disposizione
Nome *
Cognome *
E-mail*
Numero di telefono
Messaggio
 
Acconsento al trattamento dei dati in base alla normativa.
INFORMATIVA PRIVACY Acconsento al trattamento dei miei dati personali in base al D.L. n. 196 del 30 giugno 2003, tutela dei dati personali. I dati inviati saranno utilizzati esclusivamente per fornire il servizio di offerta/prenotazione e per uso interno, negli stretti limiti del perseguimento delle medesime finalità per le quali i dati sono stati raccolti INVIA RICHIESTA
Tel: +39 02-8853-215 - Fax: +39 02-8853-888
orovilla@orovilla.com
Lunedi - Venerdi: 08:30 - 17:30
Sabato e Domenica: chiusi
Via Pitagora, 11
20016 Pero (MI)