Lun, 16 aprile 2018

Gold/Silver ratio, un rapporto d’oro

Settimana complessa per i mercati finanziari. Vediamo le performance dei metalli preziosi

Il rapporto oro/argento rimane intorno all’area di 81, nonostante entrambi i metalli abbiano subito forti deprezzamenti. L'ultima volta che il rapporto Oro / Argento ha superato gli 80 punti è stato nel 2016, quando il tasso di crescita nell'economia mondiale n. 2 la Cina, ha rallentato molto. Con l’uso industriale dell’Argento che rappresenta il 55% della domanda annuale secondo il gruppo commerciale con base a Washington, il Silver Institute, il consumo del metallo è più esposto alla scarsa crescita economica e al sentimento rispetto all'oro, che ora trova solo il 10% della domanda da applicazioni industriali. I lingotti in argento nei depositi specializzati all'ingrosso di Londra sono cresciuti dell'11% nei 12 mesi fino a novembre, secondo gli ultimi dati disponibili forniti dal London Bullion Market Association.

Ancora debole il trend del Platino. In larga misura, la recente debole performance del metallo può essere attribuita alle turbolenze dei mercati azionari. Dopo un pesante sell-off a fine gennaio / inizio febbraio, i mercati azionari e delle materie prime hanno subito un'altra importante correzione la scorsa settimana, dal momento che i timori di una guerra commerciale incombente tra Stati Uniti e Cina hanno intaccato le prospettive economiche globali. Al contrario, di fronte alle pesanti perdite di prezzo delle azioni, gli attributi di rifugio sicuro dell'oro hanno iniziato a emergere, alimentando un modesto rally durato fino a inizio settimana.

Le stime di prezzo future del platino indicano probabilmente ancora difficoltà con guadagni significativi a breve termine. La mancanza di convincenti fondamentali dell'offerta / domanda, orientata a favore della prima, rimane il fattore determinante per il sentiment degli investitori nei confronti del platino. Il principale fattore trainante di questo ampliamento dell'eccesso di offerta sarà determinato da un calo sia della domanda di autocatalist che della gioielleria nel 2018.

Il primo è principalmente dovuto alle perdite di quota di mercato delle auto Diesel soprattutto in Europa. Per quanto riguarda il settore della gioielleria, la produzione dovrebbe indebolirsi per il quinto anno consecutivo nel 2018. Gran parte di questa scivolata è dovuta alla perdurante debolezza in Cina, dove i fattori strutturali e il sentimento ribassista verso i prezzi del platino continuano a pesare sulle vendite di gioielli.

Tuttavia un cambiamento nello scenario con buone prospettive di ripresa del Platino, potranno eventualmente verificarsi verso la parte finale dell’anno. Quest'anno, la fornitura dalle miniere dovrebbe registrare un calo marginale dell'1%. E in sostanza, ciò dipende soprattutto dalla personale visione positiva del prezzo dell’oro. È possibile infatti che la correzione delle azioni americane vista di recente non sarà l'ultima e si hanno pochi dubbi sul fatto che simili mosse saranno ripetute nei mesi a venire.

Ciò a sua volta potrebbe incoraggiare l'interesse per l'oro tra gli investitori professionali in cerca di diversificazione e / o allocazioni in un rifugio sicuro. Ultimo ma non meno importante, non possiamo pensare che le preoccupazioni geopolitiche svaniscano in tempi brevi, il che aumenterà ancor di più anche l'attrattiva dell'oro come rifugio sicuro. La spinta che questo darebbe al prezzo dell'oro molto probabilmente, almeno in parte, si estenderebbe al platino.

Grafico oro in Euro/oncia

Buon investimento a tutti
Carlo Vallotto

DISCLAIMER: Le indicazioni contenute in questo messaggio non costituiscono in alcun modo delle raccomandazioni di acquisto o vendita: esse rappresentano una libera interpretazione dei mercati basata sull’analisi tecnica. Lo scrivente declina ogni responsabilità per le perdite derivanti dalle attività intraprese sulla base di queste analisi.