Mar, 7 luglio 2020

Gold in direzione $2.000 l'oncia?

Il Gold continua a crescere grazie agli acquisti di beni rifugio da parte degli operatori istituzionali che cercano protezione in caso di nuovo crollo dei mercati azionari e dai timori di una nuova ondata di Covid-19.

Una "tempesta perfetta" di innalzamento dei livelli del debito pubblico, la caduta dei rendimenti obbligazionari reali, l'aumento dei casi di coronavirus e il deterioramento delle previsioni economiche hanno spinto il prezzo dell'oro a un massimo di otto anni la scorsa settimana. E alcuni analisti ora proiettano il metallo per raggiungere il suo massimo storico alto entro i prossimi 12 mesi.

Mercoledì l'oro ha toccato $ 1,778 l'oncia, il suo livello più alto da febbraio 2012 avvicinandosi al livello di resistenza psicologicamente importante di $ 1.800.
Ciò che ha guidato l'azione rialzista dei prezzi del metallo giallo non è stato solo un allarmante aumento delle infezioni virali confermate (i casi statunitensi hanno infatti raggiunto un nuovo record giornaliero di oltre 40.000) ma anche un indebolimento del dollaro USA, a favore della ripresa delle valute concorrenti come l’Euro.
Guardando più a lungo termine, l'oro continua a trovare supporto sui rendimenti negativi, sia reali che nominali anno. E come si vede dal grafico sottostante, si comprende l’andamento contrario dell’oro con i rendimenti dei Titoli. In particolar, la quantità di Titoli di Stato a rendimento negativo in tutto il mondo è risalita oltre $13 trilioni per la prima volta da marzo mentre il massimo di $18 trilioni era stato raggiunto nell'agosto dello scorso.

Ad esempio, il rendimento reale del Tesoro a 10 anni è stato scambiato a partire dallo 0,66 percento negativo martedì, un livello che non veniva toccato dal maggio 2013. Come abbiamo visto in altri articoli in precedenza, l'oro scambia inversamente con i rendimenti obbligazionari, e quando girano negativo, è come se fosse dinamite per il metallo giallo.

Un altro fattore che ha ricoperto una discreta rilevanza la scorsa settimana, è stato il Fondo monetario internazionale (FMI) che ha abbassato le previsioni di crescita economica per il 2020, prevedendo che l'economia mondiale scenderà quasi del 5% quest'anno, un aggiustamento al ribasso di 1,9 punti percentuali rispetto alle previsioni di aprile dello stesso FMI. "La pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto più negativo sull'attività economica nella prima metà del 2020 maggiore di quanto previsto, e si stima che la ripresa sia più graduale di quanto precedentemente previsto", hanno scritto gli economisti del FMI nel rapporto del 24 giugno.
Ciò potrebbe spingere ancora di più verso un nuovo stimolo monetario e fiscale delle banche centrali e dei governi mondiali, che è già di dimensioni senza precedenti. La Bank of England (BoE) ha recentemente aggiunto ulteriori stimoli al suo programma di acquisto di obbligazioni e la Federal Reserve ha segnalato che manterrà i tassi vicini allo zero.
Queste sono le motivazioni che spingono alcuni analisti di mercato a ritenere che l'oro in dollari potrebbe colpire un nuovo massimo storico nei prossimi 12 mesi, anche in correlazione con una crescita dei mercati azionari. Infatti sia Morgan Stanley che Citigroup, due importanti banche d’affari, mantengono il loro target di prezzo sul oro a $2.000 entro la metà del prossimo 2021.

Buon investimento a tutti
Carlo Vallotto

DISCLAIMER: Le indicazioni contenute in questo messaggio non costituiscono in alcun modo delle raccomandazioni di acquisto o vendita: esse rappresentano una libera interpretazione dei mercati basata sull’analisi tecnica. Lo scrivente declina ogni responsabilità per le perdite derivanti dalle attività intraprese sulla base di queste analisi.

--

Per ulteriori informazioni non esitare a contattarci! I nostri consulenti sono sempre a tua disposizione via e-mail (orovilla@orovilla.com) oppure telefonicamente al numero 02-8853215.

Contattaci
Ti risponderemo al più presto, i nostri consulenti sono a tua disposizione
Nome *
Cognome *
E-mail*
Numero di telefono
Messaggio
 
Acconsento al trattamento dei dati in base alla normativa.
INFORMATIVA PRIVACY Acconsento al trattamento dei miei dati personali in base al D.L. n. 196 del 30 giugno 2003, tutela dei dati personali. I dati inviati saranno utilizzati esclusivamente per fornire il servizio di offerta/prenotazione e per uso interno, negli stretti limiti del perseguimento delle medesime finalità per le quali i dati sono stati raccolti INVIA RICHIESTA
Tel: +39 02-8853-215 - Fax: +39 02-8853-888
orovilla@orovilla.com
Lunedi - Venerdi: 08:30 - 17:30
Sabato e Domenica: chiusi
Via Pitagora, 11
20016 Pero (MI)