Lun, 17 luglio 2017

Cosa è successo all'oro nel secondo trimestre del 2017?

Il prezzo dell'oro ha registrato un sensibile calo nel secondo trimestre dell'anno, perché le tensioni geopolitiche sono diminuite, ma soprattutto a seguito della decisione di un aumento dei tassi da parte della Federal Reserve degli Stati Uniti nel mese di giugno che ha anche diminuito l'appeal del metallo giallo, poiché l'oro è altamente sensibile ai tassi in aumento.

Nonostante tale diminuzione del prezzo dell'oro, dallo scorso mese di luglio 2016 al momento attuale, il rendimento dell'oro rimane vicino all'8%.
Le preoccupazioni circa le effettive capacità di gestire le promesse fatte dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, i futuri aumenti dei tassi di interesse da parte della Fed e l'incertezza politica fuori dagli Stati Uniti sono stati fattori che hanno portato il prezzo del metallo prezioso nella prima metà dell'anno a crescere.

Molti osservatori di mercato ritengono che il prezzo dell'oro continuerà a salire nel 2017, sostenuto da ulteriori tensioni geopolitiche e da instabilità correlata alle accuse contro la presidenza Trump.

Nel secondo trimestre dell'anno, il prezzo dell'oro ha perso lo 0,4 per cento; Tuttavia, come accennato, per coloro che cercano nell'investimento in oro esclusivamente un rendimento e non la protezione del capitale, i dati parlano da soli visto che rimane ancora ampiamente in territorio positivo con un più 8 per cento su dodici mesi.
L'oro ha colpito il punto più basso del trimestre il 10 maggio, quando è sceso a 1.218 dollari per oncia dopo la riunione della Banca Centrale degli Stati Uniti. Gli investitori, in quell'occasione, si sono rivolti verso asset più rischiosi, abbandonando il metallo prezioso.

Il metallo è rimbalzato a giugno, raggiungendo un picco trimestrale a $1.293,6 il 6 giugno, il suo prezzo più alto degli ultimi sette mesi. Il prezzo dell'oro è poi tornato indietro pochi giorni dopo, proprio a causa della decisione della Fed di aumentare i tassi e ha registrato un downtrend dopo la fine del trimestre.

Dal punto di vista fondamentale, ovvero la domanda offerta di oro fisico, secondo Thomson Reuters GFMS, la domanda fisica dell'oro potrebbe aumentare nel 2017 a causa dell'incertezza politica e della tensione in tutto il mondo.
La domanda fisica proveniente dall'India, il secondo consumatore al mondo, è in aumento da gennaio. Il governo indiano ha deciso di demonetizzare l'economia lo scorso novembre, e nella prima metà del 2017 le importazioni di oro del paese, nonostante tutto sono state di $22.2 miliardi di dollari. rispetto ai $23 miliardi per tutto l'anno scorso.

Nel caso della Cina, il più grande consumatore d'oro del mondo, i dati più recenti mostrano che il consumo locale è aumentato del 15% nel primo trimestre, con le vendite di lingotti da l'investimento con una imponente crescita di più del 60% (Fonte: China Gold Association).

Secondo molti analisti, il prezzo dell'oro nella seconda metà del 2017 dovrebbe mostrare una nuova fase di crescita, supportato dai motivi di cui sopra. E in ogni caso teniamo sempre bene a mente che non è proprio che il prezzo dell'oro che è in aumento, quanto piuttosto è che il valore delle valute di carta sta scendendo. Ecco la vera ragione dell'investimento in oro: proteggere il proprio potere di acquisto.

Buon investimento a tutti
Carlo Vallotto

DISCLAIMER: Le indicazioni contenute in questo messaggio non costituiscono in alcun modo delle raccomandazioni di acquisto o vendita: esse rappresentano una libera interpretazione dei mercati basata sull’analisi tecnica. Lo scrivente declina ogni responsabilità per le perdite derivanti dalle attività intraprese sulla base di queste analisi.

Contattaci
Ti risponderemo al più presto, i nostri consulenti sono a tua disposizione
Nome *
Cognome *
E-mail*
Numero di telefono
Messaggio
 
Acconsento al trattamento dei dati in base alla normativa.
INFORMATIVA PRIVACY Acconsento al trattamento dei miei dati personali in base al D.L. n. 196 del 30 giugno 2003, tutela dei dati personali. I dati inviati saranno utilizzati esclusivamente per fornire il servizio di offerta/prenotazione e per uso interno, negli stretti limiti del perseguimento delle medesime finalità per le quali i dati sono stati raccolti INVIA RICHIESTA
Tel: +39 02-8853-215 - Fax: +39 02-8853-888
orovilla@orovilla.com
Lunedi - Venerdi: 08:30 - 17:30
Sabato e Domenica: chiusi
Via Pitagora, 11
20016 Pero (MI)