Ven, 21 giugno 2019

Acquisti di Oro fisico in crescita

La domanda di beni rifugio è aumentata esponenzialmente negli ultimi tempi.

Il prezzo dell'oro è salito a un livello record da settembre 2013 dopo il segnale di disponibilità della Fed, per la prima volta dal 2008, a tagliare i tassi.

Vola a 1.394 dollari, ai massimi da quasi un anno e mezzo il prezzo del Gold dopo il break out del livello di $1.360, spinto dagli acquisti finanziari a seguito delle parole di Jerome Powell presidente della Federal Reserve che nella riunione di ieri sera, pur mantenendo invariati i tassi di interesse ha aperto alla possibilità di prossimi tagli del costo del denaro.

La Fed ha mantenuto intatti i suoi tassi di interesse al termine della riunione di politica monetaria di due giorni, una mossa che era già ampiamente anticipata dal mercato. Prima della decisione, il mercato aveva assegnato solo il 20% di possibilità che la Fed tagliasse i tassi di interesse questo mese.

Mentre il Federal Open Market Committee (FOMC) ha continuato a vedere una prolungata espansione dell'attività economica e forti condizioni del mercato del lavoro, ha anche affermato che "le incertezze sulle prospettive sono aumentate". La dichiarazione del FOMC non include più la parola "paziente" dalla sua posizione di politica monetaria e ha suggerito che la possibilità di tagliare fino allo 0,5% quest'anno. Nel frattempo, la Fed ha tagliato le proiezioni sull'inflazione nel 2019 dall'1,8% all'1,5%.

La storia parla delle buone dinamiche dell'oro nel periodo del ciclo di riduzione dei tassi della Fed e dell'attuazione di altre misure di incentivazione. Così, nel 2007-2008, il metallo prezioso è cresciuto del 20% e nei tre anni successivi ha raddoppiato il prezzo sullo sfondo della riduzione dei tassi negli Stati Uniti a zero.

Tuttavia, la Fed non è ancora riuscita a provocare un notevole aumento dell'inflazione, la tradizionale difesa contro cui l'oro offre la migliore protezione. Secondo il presidente della Fed, Jerome Powell, la situazione nel mercato del lavoro in termini di dinamica dei salari non è ancora abbastanza buona da provocare un notevole aumento dei prezzi. E questo nonostante il fatto che il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti sia sceso ai minimi degli ultimi 50 anni.

Gli acquisti di oro fisico hanno registrato un afflusso di fondi in 12 delle ultime 14 sessioni di negoziazione. Inoltre, continuano a comprare metalli preziosi e le banche centrali mondiali. Ad esempio, la Banca Centrale di Cina ha aumentato le sue riserve per sei mesi consecutivi e a maggio ha continuato ad acquistare oro fisico.

Gli analisti di Wells Fargo sostengono che ci siano buone possibilità di vedere il prezzo dell'oro in area $1.500/oz ma tuttavia tenendo conto dell'atmosfera prevalente nei mercati finanziari, non considerano l'idea di acquistare metalli ai livelli attuali che sembrano attraenti.

La banca presta attenzione al fatto che la combinazione delle guerre commerciali statunitensi e cinesi, la crescita delle tensioni geopolitiche nel mondo e l'allentamento della retorica delle banche centrali non sono state sufficienti per assicurare la migrazione degli investitori verso l'oro e la formazione di un più convincente movimento al rialzo. Un'ulteriore escalation dello stallo commerciale USA-Cina potrebbe fornire supporto all'oro, ma per un serio cambiamento nel sentiment degli investitori, è probabile che sarà necessario un indebolimento tangibile del dollaro. La volatilità è sui livelli massimi e quindi possibile che vi sia una pausa nell'espansione del trend.

Detto ciò, buon investimento a tutti
Carlo Vallotto

DISCLAIMER: Le indicazioni contenute in questo messaggio non costituiscono in alcun modo delle raccomandazioni di acquisto o vendita: esse rappresentano una libera interpretazione dei mercati basata sull’analisi tecnica. Lo scrivente declina ogni responsabilità per le perdite derivanti dalle attività intraprese sulla base di queste analisi.

Contattaci
Ti risponderemo al più presto, i nostri consulenti sono a tua disposizione
Nome *
Cognome *
E-mail*
Numero di telefono
Messaggio
 
Acconsento al trattamento dei dati in base alla normativa.
INFORMATIVA PRIVACY Acconsento al trattamento dei miei dati personali in base al D.L. n. 196 del 30 giugno 2003, tutela dei dati personali. I dati inviati saranno utilizzati esclusivamente per fornire il servizio di offerta/prenotazione e per uso interno, negli stretti limiti del perseguimento delle medesime finalità per le quali i dati sono stati raccolti INVIA RICHIESTA
Tel: +39 02-8853-215 - Fax: +39 02-8853-888
orovilla@orovilla.com
Lunedi - Venerdi: 08:30 - 17:30
Sabato e Domenica: chiusi
Via Pitagora, 11
20016 Pero (MI)